Nel mese di Aprile 2018, tutto il Team Irondom ha fatto una visita aziendale presso la fabbrica in  Toulouse – Francia della societa’ ACTIS, quale partner del Progetto IRONDOM, per la produzione dei materiali di coibentazione ad elevato contenuto tecnologico, tipo Ultrasottili Multiriflettenti.

Sin da subito siamo stati accolti e sempre accompagnati, per tutta la durata della visita, dal referente della società ACTIS per l’Italia, il caro Sig. Franco Piraino che unitamente  ai responsabili commerciali ed ai tecnici francesi della società ACTIS, ha permesso a tutto il gruppo di conoscere bene e da vicino, i vari materiali e tutti i processi industriali per la produzione dei coibenti di derivazione aereospaziale.

Sono stati giorni molto intensi, sia da un punto di vista formativo, per quanto attiene l’analisi dei vari processi industriali messi in campo, nonche’ per apprendere e capire l’innovazione tecnologica raggiunta.

Le visite si sono concentrate nelle prime due, delle tre giornate impegnate, presso la sede principale della società ACTIS, dove sono allocati anche tutti gli uffici tecnici, commerciali e dirigenziali, oltre che ovviamente la fabbrica principale per la produzione, assemblaggio e deposito di tutta la gamma dei termoriflettenti in esame.

Successivamente il gruppo ha visitato poi anche le altre sedi della fabbrica, dove si producono solo gli strati di schiume poliuretaniche ed in polistirene che unitamente alle varie pellicole di alluminio vengono interposte nel prodotto finito che invece viene assemblato nella sede principale.

Particolare interesse per la visita al Centro Sperimentale e di Certificazione in Situ, dove vengono effettuate le cosiddette “Prove in Situ” per testare e certificare le perfomance di efficienza termica della gamma TRISO dei termoriflettenti, altrimenti non certificabili con il marchio CE. Detti coibenti vengono allocati nella stratigrafia orizzontale e verticale di casette in legno di prova, realizzate in scala reale che opportunamente comparate con altre casette in legno presenti, dove sono invece inseriti altri coibenti classici di diversa natura, si ricavano cosi’ tutti i dati di comparazione e monitoraggio, sistematicamente rilevati con adeguata strumentazione, in modo da avere la certezza dei valori dichiarati e certificati.

In secondo luogo poi altro grosso interesse e coinvolgimento ha suscitato nel gruppo, l’ultima visita effettuata, dove si producono  le pellicole esterne in polietilene allumizzato atomizzato che costituiscono i due strati esterni del prodotto finito. Impressionante qui’ l’attrezzatura ed i macchinari utilizzati per la produzione di questi strati esterni, grazie all’uso di silos ad estrusione verticali con altezza superiore ai 20 ml. ed annessa sala di verniciatura di alluminio per le pellicole esterne  prodotte, altamente tecnologici.

Infine particolarmente interessante e’ stata poi la visita al Centro di Ricerca e Sviluppo Interno dove vengono continuamente testati e provati nuovi materiali con nuove tecnologie di assemblaggio, nonche’ effettuate tutte le prove in hot box per testare e collaudare l’efficacia e l’efficienza dei materiali stessi.

Arch.tto Giuseppe Maisto